Viaggia con Paola

Viaggia con Paola: La fortuna di intraprendere una bellissima professione che proiettata sul web è diventata ancora più dinamica e moderna.

In questa intervista Paola ci svela qualche segreto per viaggiare al meglio e ci racconta come da classico agente di viaggio è diventata consulente on line e infine travel blogger.

viaggia con paola : Chi è Paola  ?

Sono un’agente di viaggio, ho iniziato nel modo tradizionale, agenzia fisica su strada, con clientela di affezionati e di passaggio. Con il tempo però questo lavoro non mi soddisfaceva più. Non mi piaceva controllare per ore i last minute o perdere tempo con le richieste più banali. Ho avuto la fortuna, tramite il passaparola, di crearmi una clientela di “viaggiatori” da ogni parte d’Italia, ai quali costruisco viaggi ad hoc in base alle esigenze. Fortunatamente il business è cresciuto tanto, facendomi quindi fare il grande passo: chiudere l’agenzia fisica dedicandomi solo alla clientela online. Oramai sono passati 4 anni e sono convinta che puntare ad un target di clientela diverso, non di vacanzieri ma di viaggiatori, ai quali pianificare il viaggio nei minimi dettagli, sia la scelta giusta.

Paola Bovenzi - Indonesia con Bru viaggiare insieme
Paola Bovenzi – Indonesia con Bru viaggiare insieme

Il viaggio e i viaggiatori fanno parte della tua vita, per: amicizia, piacere e lavoro, in che ordine

I viaggiatori sono il mio lavoro, quindi gran parte della mia vita. Lavorando con la clientela online non si hanno orari di “apertura e chiusura”. Il pc è sempre acceso, posso lavorare a qualunque ora del giorno e della notte. Ma il viaggio è l’essenza della mia vita, scoprire nuovi posti, nuove culture, mete poco battute dal turismo di massa, perdermi nel mondo nell’accezione migliore del termine è ciò che preferisco. Viaggiare con gli amici aggiunge un plus ulteriore ai luoghi visitati, adoro fare le vacanze con gli amici di vecchia data. Ma viaggiare in gruppo non è per tutti, e non è una cosa da fare CON tutti. Se non si hanno gli stessi gusti, gli stessi ritmi, anche il posto più bello del mondo può diventare sgradevole.

Tre consigli preziosi per chi viaggia all’estero

In assoluto al primo posto avere una polizza sanitaria a copertura alta (meglio se illimitata), che copra anche malattie pregresse e recidive. Mai partire senza! Secondo consiglio: adattabilità. Per quanto mi piaccia pianificare il viaggio nei minimi dettagli, mi lascio sempre del tempo per gli “extra”. Una sosta inaspettata, un punto panoramico da godersi, un negozio particolare che incontro lungo la strada, un inconveniente. Terzo consiglio: immeregersi nella cultura del posto. Il che significa non solo rispettare le loro regole e abitudini, ma anche mangiare cibo locale, parlare e farsi raccontare qualche aneddoto con le persone che incontrerete, partecipare a qualche manifestazione o evento.

viaggia con paola : La tua destinazione di viaggio preferita deve avere

Molte sfaccettature: un mix di natura, cultura e luoghi da scoprire. Adoro visitare musei, ma anche perdermi dentro un parco naturale godendomi le bellezze della natura. L’on the road è il mio viaggio ideale per eccellenza, chilometri da percorrere fermandomi in ogni luogo che mi sembra interessante, il senso di libertà di un’auto a noleggio con la giornata davanti da trascorrere scoprendo nuovi posti, incontrando nuove persone.

Viaggia con Paola negli USA
Viaggia con Paola negli USA

Qual è il posto più interessante che hai visitato

Difficile sceglierne uno solo, ma l’Australia ha sicuramente 2 locations che entrano nella mia top five: Kangaroo Island, l’isola perfetta, in cui sono entrata a contatto con la fauna locale come in nessun altro posto al mondo. Spero soltanto che dopo i devastanti incendi del 2020, la natura possa ritornare rigogliosa com’era. E sempre un’altra isola australiana: Phillip Island, con la Penguin Parade (la parata dei pinguini).Ogni sera i pinguini, al tramonto, lasciano le fredde acque oceaniche per tornare alle loro tane, vederli uscire dall’acqua dapprima in piccoli gruppi e poi tutti insieme, è stata un’emozione incredibile.

Qual è il posto meno turistico dove sei stata

Rote Island, in Indonesia, insieme alla mia grande amica e socia di blog Bru. Un’isola quasi sconosciuta ai più, difficile anche da individuare sulla cartina mondiale. E’ autentica, selvaggia ma ospitale e con pochi turisti.

viaggia con paola : Il tuo compagno di viaggio ideale

Dopo tanti anni, tante miglia percorse in aereo in macchina e nella vita, ovviamente non posso che dire mio marito, con il quale condividiamo gli stessi gusti (o quasi) in termini di viaggio. A lui non dispiace anche la settimana stanziale al mare, io se non “esploro” divento un po’ insofferente. Ma quando è possibile cerchiamo di ritagliare in ogni viaggio un mix tra esplorazione e qualche giorno di relax. Condividiamo la grande passione per gli Stati Uniti e l’avversione per i villaggi turistici.

Il tuo stato preferito negli Stati Uniti è

La California, ci sono stata innumerevoli volte, ma è forse lo stato con più sfaccettature degli States. Dalle città più cosmopolite come Los Angeles, San Francisco e San Diego, al mio parco preferito: il Sequoia National Park. Si può fare surf al mattino e raggiungere vette innevate nel pomeriggio. Anche il clima è vario, dalla fredda San Francisco si può passare alla torrida Death Valley, alla sempre mite Los Angeles. Il paesaggio collinare della Napa Valley si contrappone al deserto del Mohave, o le viste sull’oceano pacifico percorrendo la US1. E’ letteralmente impossibile fare un viaggio noioso e monotono in California.

La città più bella del mondo è

New York! Sarò banale forse, ma nonostante ci sia stata innumerevoli volte, ogni volta che la lascio una lacrima scende. E’ la mia città ideale, in cui mi trasferirei anche domani a viverci. New York è un melting pot unico, passeggiare tra i suoi quartieri è come fare un giro attorno al mondo.

New york city
New york city

Agente di viaggio e travel blogger, un modo molto attuale di parlare e vendere viaggi, internet non più nemico ma valido alleato.

Grazie ad internet, ora posso fare il lavoro che amo, nel modo in cui amo farlo, interfacciandomi con clienti preparati che sanno cosa vogliono, ma si mettono nelle mani di un professionista affinchè il viaggio sia perfetto. Internet mi ha anche permesso di collaborare al sito Indonesia con Bru, che oltre ad essere estremamente divertente, è stato anche terapeutico in questi durissimi mesi di chiusure. Mi sono sentita sempre in viaggio scrivendo articoli, scegliendo le foto e ricordando aneddoti.

Un’ultima domanda, Viaggiare è …

Aprire la mente: ti fa capire che i confini sono solo sulla cartina politica del planisfero, e troppo spesso nella nostra testa.

4 commenti

  1. Veronica

    Sono d’accordissimo con Paola quando dice che viaggiare in gruppo non è per tutti ma soprattutto non lo è CON tutti. Spesso ognuno ha un modo di vivere il viaggio diverso dagli altri e bisogna provare prima di trovare i compagni migliori con cui affrontare quest’esperienza.

  2. Mauro

    Complimenti meritati per la passione e la professionalità che trasmetti.
    Sempre disponibile ed attenta a soddisfare al meglio qualsiasi richiesta.

  3. Lisa Trevaligie Travelblog

    Sono sulla stessa linea di paola! Adoro tra l’altro la california e non credo proprio che la scelta di New York come destinazione più bella sia scontata o banale. Io non vedo l’ora di potermi perdere tra le sue strade e i suoi grattacieli!

Lascia il tuo commento