Flores e Komodo

Flores e komodo bellezza primordiale

Flores e Komodo – quando andare in viaggio e cosa  vedere  

Geografia

Flores è una delle Piccole Isole della Sonda, la sua superficie è di circa 14.300 km², l’isola fa parte della provincia di Nusa Tenggara Timur è divisa in otto distretti governativi locali:

Maumere è il capoluogo e la città principale.

A Flores sono presenti diversi vulcani attivi, il Kelimutu, Egon, l’Ilimuda.

insieme a Komodo, Flores è l’unica altra zona del mondo, dove possono essere avvistati i grandi varani di Komodo allo stato selvatico.

Le sue coste hanno bellissime barriere coralline con una varietà immensa di pesci, invertebrati e altro.

Nel 2004 a Flores fu trovato uno scheletro che fu chiamato Hobbit, infatti, fu considerato una nuova specie di uomo per via delle sue piccole dimensioni.

  • Manggarai occidentale, (Labuan Bajo) –
  • Manggarai centrale, (Ruteng)
  • Manggarai Orientale, (Borong)
  • Ngada, (Bajawa)
  • Nagekeo, (Mbay)
  • Ende : (Ende)
  • Sikka : (Maumere)
  • Flores Timur (Flores Orientale) : (Larantuka)

Lingua dialetti e religione

Sull’isola si parlano almeno sei lingue Ngadha, Nage, Keo, Ende, Lio e Palu’e, tutte appartenenti al ceppo austronesiano.

La principale religione è cattolica ma sono ancora molto praticati gli antichi riti animisti e la magia nera.

Storia

L’isola di Flores fu colonizzata dai Portoghesi nel XVI secolo.

Si stabilirono soprattutto nella zona di Larantuka, nella parte orientale dell’isola di Flores, dove si mischiarono alla popolazione locale.

Quest’unione creò una popolazione detta in portoghese dei Larantuqueiros, abitanti di Larantuka.

I Larantuqueiros pur riconoscendo la sovranità formale del re del Portogallo costituirono sull’isola uno Stato indipendente, influenzando così pesantemente la lingua e la religione di Flores.

Flores come arrivare

Voli diretti da Bali con arrivo su Labuan Bajo o Maumere.

Con Nam Air – Wings air – Lion Air – Garuda

Da Giacarta e altri aeroporti nazionali e internazionali – quasi tutti i voli sono via Denpasar

Un viaggio a Flores è un’esperienza unica, una realtà autentica di un popolo che conserva intatte le proprie tradizioni, villaggi tribali, natura rigogliosa e un mare indimenticabile.

L’isola non è stata ancora toccata dal turismo di massa, le strutture sono ancora poche e molte basiche ma la scoperta dell’isola vale assolutamente qualche piccola rinuncia.

Muoversi sull’isola

Flores è carente di servizi, un’unica strada asfaltata la percorre per intero e attraversa punti molto panoramici.

Non esiste una vera e propria rete di trasporto pubblico, il modo più veloce per girarla è affittare un driver che vi accompagni in giro per l’isola.

Consigliato solo ai più avventurieri il noleggio di uno scooter per percorrere alcuni tratti alternandolo ai bus locali che è possibile incontrare lungo il percorso, per questa scelta di viaggio i giorni a disposizione devono essere tanti e occorre non avere fretta.

Come spesso accade nell’Indonesia fuori rotta, i prezzi a Flores sono più alti rispetto a isole come Java o Bali, infatti, i servizi sono pochi e gestite da famiglie del posto con camere spartane e veramente il minimo necessario, avere l’acqua calda per esempio non è per niente scontato.

I pasti sono economici ma ovviamente abbastanza ripetitivi.

L’Isola è talmente bella che vale la pena fare un tour, abbastanza stancante e dalle tratte lunghe, ma che vi riempirà il cuore di panorami meravigliosi.

L’ideale è prendere auto e autista, come sempre dare lavoro alla gente del posto, e partire alla scoperta di usi e costumi di questa parte di mondo .

Come abbiamo detto i costi sono abbastanza elevati ma considerando tutta la strada che percorrerete i pasti e pernottamenti del vostro driver e le meraviglie che quest’isola saprà regalarvi, ne valgono la pena.

La zona del Komodo National Park è più turistica e ha prezzi elevati per lo standard dei servizi offerti ma se siete arrivati fin qua, la dovete assolutamente vedere.

vulcani a flores
terra vulcanica

Clima e temperature quando andare a flores e komodo

Il periodo migliore per un viaggio a flores e komodo è da Aprile a Ottobre.

 Flores Cosa vedere :

  • Maumere e le isole deserte nella sua baia
  • Koka Beach piantagioni di cacao e sabbia bianca
  • Dokar village, Sikka antichi telai e storie raccontate nei tessuti ikat  
  • Kelimutu il mistero dei tre laghi colorati.
  • Blue stone la spiaggia dalle pietre blu
  • Riung, se non è il Paradiso, ci assomiglia molto.
  • Le sorgenti calde Malanage, scorrono direttamente dal ventre del vulcano
  • Ngada – misteri e magie di un antico popolo
  • Ruteng la grotta di Hobbit e le risaie a ragnatela di Cancar
  • Labuan Bajo la baia del tramonto il porto di partenza per visitare il komodo national park

L’antico villaggio Wae Rebo si raggiunge con un trekking di circa 2 ore e mezza attraverso una foresta

*il mio consiglio : dedicate a quest’isola almeno 10 giorni di viaggio

Bena Traditional Village a Flores
antichi villaggi

Komodo la bellezza indimenticabile del suo mare

calpestare la soffice sabbia rosa di pink beach a Komodo

Il Parco Nazionale di Komodo comprende tre isole principali, Komodo, Rinca e Padar e molte altre piccole isole. Sono di origine vulcanica. Si sono formate milioni di anni fa, si stima nel giurassico, sulle due placche continentali di Sahul e Sunda: hanno picchi aguzzi che raggiungono i 700/900 metri.
Gli abitanti di queste isole sono pescatori, per lo più nomadi, provenienti da Flores, Sulawesi e altre isole intorno, circa 4000 persone, suddivise tra i quatto, maggiori centri abitati e i molti piccoli villaggi.
Patrimonio Mondiale Naturale dell’UNESCO all’inizio solo per la conservazione del famoso Dragone di Komodo la protezione si è poi estesa anche ai fondali, che ospitano oltre 1000 specie di pesci e 260 di coralli fra molli e duri.
Nel Novembre 2011 l’isola di Komodo è stata inserita nell’elenco delle Nuove Sette Meraviglie Naturali del Mondo.
E’ qui che L’oceano Pacifico s’incontra con l’oceano Indiano, la una corrente oceanica è impressionante con un vero e proprio ribollire del mare e forti mulinelli,.
L’Asia che abbraccia L’Oceania, creando a un ambiente unico e prezioso .
Il Parco è considerato una delle destinazioni mondiali più interessanti dal punto di vista naturalistico sul pianeta. Uno dei più ricchi ambienti marini del mondo, oltre a poter avere incontri ravvicinati con il Dragone di Komodo.
Non venite a Komodo solo per il mare, scegliete questa destinazione per ammirare uno dei grandi miracoli della natura, coscienti che tutto qua’ è fragile e prezioso e dobbiamo avere un totale rispetto per luoghi così unici.

Padar Island

Ci sono luoghi che incantano per la sua unicità, per l’emozione che regalano, Padar è uno di quelli.

Osservare quest’isola dalla forma bizzarra dall’alto vi ripagherà dalla fatica che avrete fatto per arrivare alla cima, siete nel primordiale territorio dei draghi di Komodo e chissà se si aggirano ancora anche a Padar  !

Poserete il vostro sguardo sulle vette aguzze che sprofondano in un mare trasparente, sulle ampie baie a mezzaluna, sentirete il silenzio totale che vi circonda e il calore del sole sulla pelle, scenderete giù’ dal ripidissimo sentiero ,coscienti di avere avuto un altro meraviglioso regalo della natura da conservare per sempre nei vostri ricordi .

Il Dragone di Komodo

Esiste una zona in Indonesia, che ha un parco nazionale dichiarato patrimonio dell’Unesco, dove il tempo sembra essersi fermato all’epoca in cui vivevano i dinosauri. Sì, perché qui, il signore incontrastato che regna sovrano è il Drago di Komodo, un rettile appartenente alla famiglia dei varanidi, la più grossa specie di lucertola vivente.
I Draghi di Komodo rappresentano i più grandi rettili conosciuti sulla Terra ed anche gli animali dal veleno più potente. Il parco nazionale di Komodo è situato nei pressi delle isole indonesiane della Sonda, ed include Komodo, Rinca e Padar, oltre ad altre isole minori. Copre un’area totale di 1817 km quadrati, dei quali 603 sono di terra.
I Draghi di Komodo sono carnivori e cannibali. Gli esemplari adulti, se il cibo scarseggia, non esitano a mangiare i loro simili, specie se di dimensioni più ridotte. Essi non riconoscono i propri figli, e di conseguenza sono spinti a cibarsi di essi.

I nuovi nati vengono immediatamente abbandonati al loro destino, come sempre accade nel mondo dei rettili.

I piccoli si rifugiano sugli alberi, per fuggire ai loro stessi genitori.

Pink Beach …. Dove soffice sabbia rosa si incontra con un mare dai mille colori , nel cuore del territorio dei Drago

Soggiorno consigliato : 3 notti

Leggi anche il mio diario di viaggio a Flores e komodo nel Blog

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...